L’autunno è uno dei momenti dell’anno più critici per i nostri capelli che tendono a cadere di più. Questo fenomeno si deve principalmente allo stress che la chioma subisce durante i mesi estivi, sotto l’azione simultanea del sudore, dei raggi solari, della salsedine e del cloro con cui si viene a contatto negli innumerevoli tuffi in piscina. La conseguenza a lungo termine è un progressivo indebolimento dei capelli, accompagnato da un inaridimento profondo e da una perdita di luce e di morbidezza, che conducono a un inevitabile aumento della caduta dei capelli giornaliera. Come si può correre ai ripari?

La dieta anti-caduta

Un sostegno prezioso proviene innanzitutto dagli alimenti che portiamo ogni giorno a tavola. Da una corretta alimentazione derivano, infatti, nutrienti indispensabili per rendere i nostri capelli sani e forti. In una dieta anti-caduta non devono mai mancare le vitamine A, B, C ed E:

  • Vitamina A, in grado di rinforzare il fusto dei capelli, può essere assimilata consumando cibi come patate dolci e carote.
  • Vitamina B, la cui carenza è tra le principali cause di caduta, è reperibile attraverso alimenti come cereali integrali, yogurt, piselli e pesce grasso.
  • Vitamina C, capace di coadiuvare la crescita, è presente in abbondanza in agrumi, kiwi e peperoni.
  • Vitamina E, che regola la produzione di sebo, si ottiene grazie a cibi come mandorle, nocciole, cereali e riso integrale.

Altrettanto fondamentali nella dieta anti-caduta sono i minerali, a partire dal ferro, di cui sono ricchi cibi come carne rossa e legumi. Non devono poi mancare il rame, lo zinco e il selenio. Il rame si trova in alimenti come fegato, arance e aragoste. Lo zinco è assimilabile consumando pane bianco e carne di manzo, mentre il manganese è reperibile attraverso il pane integrale, l’avocado e le castagne. Su consiglio medico, se necessario, questi preziosi nutrienti possono essere assunti anche sotto forma di integratori.

Caduta dei capelli in autunno

Attenzione al lavaggio e all’asciugatura

Per evitare che i capelli si indeboliscano ulteriormente dopo la già dura prova estiva, è importante fare attenzione nella fase di lavaggio e di asciugatura. Mentre si lava la chioma è fondamentale non traumatizzarla con sfregamenti troppo energici, che possono favorire la caduta.
A fine lavaggio, occorre togliere quanta più acqua possibile dai capelli, evitando brutti strofinamenti e tamponandoli, invece, delicatamente, con l’uso di più asciugamani, se necessario. I capelli bagnati, infatti, sono meno resistenti e sono perciò più soggetti a spezzarsi. Per analoga motivazione, è importante non pettinarli e non spazzolarli da bagnati.
Chi usa il phon deve ricordare di mantenerlo a una temperatura tiepida: il calore eccessivo rischia di indebolire i bulbi, oltre a seccarli troppo, rendendoli così aridi e opachi. L’apparecchio va inoltre tenuto ad almeno quindici centimetri di distanza, facendo delle pause di qualche minuto per consentire alla chioma di raffreddare.

L’aiuto in farmacia

Un significativo aiuto per frenare la caduta dei capelli si può reperire anche nella linea di prodotti Bioscalin®, trattamenti esclusivi, capaci di svolgere una preziosa azione integrata. L’uso combinato di fiale, compresse e shampoo permette, infatti, di prendersi cura dei capelli in modo totale. Le fiale agiscono dall’esterno, focalizzandosi sul bulbo. Le compresse agiscono invece dall’interno, fornendo all’organismo nutrienti mirati per la salute della chioma. Grazie alla sua azione sulla fibra capillare, lo shampoo completa gli effetti forniti da fiale e compresse.

La linea Bioscalin® è disponibile presso la Farmacia Capararo Chiesa a Rosate, insieme ad altri prodotti per la cura, la salute e la bellezza dei nostri capelli.